Cerca nel sito

Consigliati

Info

    Gestisci una struttura ricettiva in Toscana e vorresti inserirla nella nostra guida? Chiedici maggiori informazioni, sono previsti inserimenti gratis e/o a pagamento. Contattaci


Arezzo e la sua provincia


La provincia di Arezzo comprende un territorio suddiviso in quattro vallate con alcentro il capoluogo, Arezzo di origine etrusche.
Il Casentino è un iportante vallata montana dove nasce il fiume Arno, che attraversa la valle in tutta la sua lunghezza. Ad oriente c'è la catena appenninica con boschi secolari e le abbazie di la Verna e Camaldoli. I principali centri sono: Poppi, Bibbiena, Stia, Pratovecchio, Rassina e Subbiano.
La Val Tiberina è una terra di confine, corrisponde all'alta valle del fiume Tevere, ha un ampio fondovalle dove sorgono i paese di Pieve Santo Stefano, Sansepolcro, Anghiari.
La Val di Chiana, è stata bonificata in epoca granducale, costituisce uno spartiacque naturale tra il fiome Arno ed il fiume Tevere. La valle è coltivata a cereali, tabacco e barbabietole; diffusi sono gli allevamenti della famosa e pregiata razza Chianina. In questa zona sono presentimolti casali di epoca leopoldina.
Il Valdarno Superiore si estende sulla riva destra del fiome Arno, toccando sull'altra sponda soltanto le ultime propagini del chianti. Il Valdarno è diviso a metà tra e provincie di Arezzo e Firenze. A dominare la valle il massiccio del pratomagno, solcato da torrenti e ruscelli, con boschi di faggi, querce, lecci e castagni ed il Parco di Cavriglia, più in basso con pini, castagni e querce secolari.
  • Oltre al capoluogo Arezzo, vi consiglio di visitare:

  • Caprese dove è presente la casa natale di Michelangelo Buonarroti.
    Sansepolcro città di Piero della Francesca e la pinacoteca comunale.
    Monterchi dove è possibile ammirare l'affresco della Madorna del Parto di Piero della Francesca.
    Poppi con il suo castello duecentesco dei Conti Guidi e l'Abbazia di san Fedele.
    Cortona che conserva la struttura etrusca dell'antico centro urbano con vista panoramica sulla valdichiana.
    Loro Ciuffenna troviamo la Pieve romanica di Gropina e Museo Venturi.

  • Le escursioni:

  • Andare per Pievi: un itinerario religioso che si snoda attraverso la Pieve si santa Maria assunta (Stia), la Pieve di San Pietro a Romena (Pratovecchio), la Pieve San Martino a Vado (strada in casentino), la Pieve di Santa Maria Assunta (Montemignaio e Badia Prataglia), la Pieve di Santi Ippolito e Cassiano a Bibbiena.
    Andare per Castelli: Castello di Poppi, Castello di Chitignano, le fortificazioni di Chiusi della Verna, il Castello di Gressa, la torre di Porciano, il Castello di Romena.
    Itinerario Religioso: da camaldoli con il Monastero dei frati camaldolesi e l'Eremo fino a La Verna, dove San Francesco ricevette le Stimmate. E ancora il convento di Vallombrosa risalente all'anno 1000, immerso nella famosa abetaia.
  • L'Eneogastronomia:

  • Molti i piatti tipici in questa zona, troviamo: la scottiglia, l'acquacotta, la pasta con fagioli e ceci, il tortello di patate, il cinghiale e tutta la cacciagione, il Baldino di castagne ed il ciambellone. I vini DOC Chianti Colli Aretini ed il Bianco Vergine Valdichiana. Altre produzioni tipiche sono: il pecorino casentinese, i frutti del bosco (ribes, mirtilli, fragole, lamponi) ed il Tartufo Bianco della Valtiberina e la patata di Cetica.

  • Eventi e Manifestazioni:

  • Ad Arezzo troviamo la Giostra del Saracino una rievocazione storica dell'antico torneo cavalleresco, si tiene l'ultima domenica di agosto e la prima domenica di settembre; la mostra dell'antiquariato ogni prima domenica del mese con inizio il sabato; la mostra internazionale dell'oreficeria si tiene a settembre, mentre il Concorso Polifonico Internazionale Guido d'Arezzo si svolge a fine Agosto.
    A Sansepolcro a settembre si svolge il Palio della Balestra.
    A Lucignano si tiene la Maggiolata Lucignanese, appuntamento folkloristico con carri fioriti che sfilano lungo le strade si tiene le ultime due domeniche di maggio.
    A Stia si svolge il carnevale (fine gennaio, febbraio) e Biennale del Ferro Battuto a settembre.
    A Strada in Casentino si tiene la Biennale della Pietra Lavorata si svolge nel mese di settembre.
    A Montagnano si svolge il Festival del Teatro Popolare ad ottobre.